• World Mappers

Map'Guide • ISLANDA

Finalmente la nostra Map'Guide • ISLANDA

Soluzioni di viaggio con itinerari per scoprire tutte le meraviglie di questa destinazione, luoghi assolutamente da non perdere, consigli su dove dormire e cosa mangiare, e soprattutto suggerimenti speciali per vivere al meglio il vostro viaggio !

Finally here our Map'Guide • ICELAND

Travel solutions with itineraries to discover all the wonders of this destination, places not to be missed, tips about where to sleep and what to eat, and above all many small special tips to enjoy your journey !


Guarda qui il Video Ufficiale Islanda

Watch here the Official Video • Iceland


Consulta le Informazioni Pratiche per il viaggio

Check also Practical Information for the Trip

MAP'INFO • ISLANDA


ITINERARIO CONSIGLIATO (10 Giorni) - (Suggested Itinerary - 10 Days)

Day 1: (Arrivo Aeroporto di) KEFLAVIK

Day 2: KEFLAVIK - THINGVELLIR - LAUGARVATN - GEYSIR - GULLFOSS - SKOGAFOSS

Day 3: SKOGAFOSS - VIK - SKAFTAFELL - HOF - JOKULSARLON - HÖFN

Day 4: HÖFN - HVALNES - SEYDISFJORDUR - EGILSSTADIR

Day 5: EGILSSTADIR - DETTIFOSS - HAFRAGILSFOSS - HUSAVIK

Day 6: HUSAVIK - MYVATN - HVERFJALL - GODAFOSS - AKUREYRI

Day 7: AKUREYRI - KIRKJUFELL - BORGARNES

Day 8: BORGARNES - DEILDARTUNGUHVER - HRAUNFOSSAR - BARNAFOSS - REYKJAVIK

Day 9: REYKJAVIK - BLUE LAGOON - KEFLAVIK

Day 10: KEFLAVIK (Partenza dall'Aeroporto)


CONSIGLI di VIAGGIO dei World Mappers (World Mappers' Best Travel Tips)

  • Noleggiate un'auto presso KEFLAVIK International Airport Office (riconsegna nello stesso luogo del ritiro), noi abbiamo optato per una Dacia Duster 4x4 Diesel (la nostra Dacètta ❤ ) tramite Reykjavik Cars che offre un ottimo rapporto qualità/prezzo. Ricordatevi di assicurare l'auto con la Polizza Kasco, soprattutto per danni causati dal vento e nel caso in cui succedesse qualcosa alle vostre portiere (ebbene sì, fate molta attenzione ad aprirle durante forti raffiche di vento o potrebbero sradicarsi). (Qui il sito web dove prenotare: www.reykjavikcars.com )

  • Seguite dove vi porta la Ring Road (in islandese Hringvegur) ed avventuratevi ! La Ring Road, o strada statale nr.1, è una strada circolare lunga quasi 1.350 km che gira intorno a tutta l’isola toccando le principali meraviglie dell'Islanda. Ma lasciatevi trasportare dall'Icelandic Vibe ed esplorate le strade secondarie, che vi condurranno verso sperduti paesini e meraviglie naturali indescrivibili. Monitorate le condizioni della strada prima di mettervi in viaggio su www.road.is. Tenete conto che, soprattutto in inverno o quando la neve non si è ancora sciolta, alcune strade potrebbero essere bloccate (cosa che ci è successa più volte).

  • Aurora Boreale SI - Aurora Boreale NO. Questo è il dilemma che si prospetta a tutti quelli che vogliono intraprendere un viaggio verso l'Islanda. Se è la prima volta che visitate questa destinazione, allora scegliete un periodo nel quale si è sciolto il grosso della neve, altrimenti non vedrete nulla del paesaggio (ed è davvero un peccato). Il periodo migliore va da Maggio fino a primi giorni di Settembre. Ricordatevi che l'Aurora Boreale può essere vista da molti paesi, quindi non occorre bruciarsi l'essenza dell'Islanda visitandola in inverno solo per vedere l'Aurora (a patto che riusciate davvero a vederla).

  • Pulcinella di Mare e Balene - Non perdetevi l'occasione di vedere da vicino uno degli animali più simpatici che abbiamo mai visto, la Pulcinella di mare, un piccolo uccello dal meraviglioso becco arancione, giallo e blu e le balene che nuotano attorno alle coste islandesi. Per questo tipo di attività ci siamo recati a Húsavík, una cittadina del nord, nota come il centro del whale-watching. Che emozione vedere la nostra prima megattera! Le uscite in barca proposte dai vari tour operator sono tutte simili e offrono anche la possibilità di avvistare le Pulcinella di mare su qualche isolotto al largo delle coste (noi ci siamo affidati a Salka Whale Watching - www.salkawhalewatching.is ). Il nostro consiglio per ammirare al meglio la bellezza di questi volatili, però, è di andare sulle coste orientali dell'isola, nello specifico nei pressi del villaggio di Borgarfirði Eystri dove si riesce ad osservarli davvero da vicino (molto di più rispetto a quello che si può vedere dalle imbarcazioni di whale-watching).

  • Islanda Low Cost - Si sa, viaggiare in Islanda può essere molto costoso. Qui vi diciamo cosa abbiamo fatto noi per cercare di contenere le spese. Innanzitutto vi consigliamo di muovervi per tempo e prenotare con largo anticipo le strutture dove alloggiare preferendo ai classici hotel appartamenti e guesthouse con cucina dove potersi preparare qualcosa da mangiare in autonomia senza spendere un capitale (ci è capitato di pagare un panino 21 euro!). Tutte le strutture che abbiamo prenotato ci hanno piacevolmente colpiti per pulizia e confort, soprattutto quelle dotate di hot pot (pozze d'acqua calda, una vera goduria). Fare la spesa al supermercato è una delle cose che ci ha fatto risparmiare molto. Noi andavamo nei supermarket Bonus, i più economici (l'insegna è un maialino rosa); all'arrivo in una nuova cittadina era subito caccia al maialino rosa. Essendo quasi sempre in giro, soprattutto all'ora di pranzo, una soluzione alternativa al supermarket sono gli ottimi hot dog venduti in quasi tutte le stazioni di servizio a cifre accettabili ( dai 2,50 ai 3,50 euro ). Se si vuole risparmiare sui pernottamenti alcune agenzie locali noleggiano camper o mini-van per poter dormire a bordo, anche se dal 2015 non è più possibile campeggiare ovunque ma solo nelle aree attrezzate ( qui una delle agenzie più conosciute: www.happycampers.is ). Noi abbiamo risparmiato condividendo il noleggio della macchina e tutte le relative spese con i nostri due super compagni di viaggio.

  • Abbigliamento - Un aspetto da non sottovalutare sia in estate che in inverno. Noi abbiamo viaggiato a maggio e le temperature erano ancora rigide. Consigliamo di munirsi di un abbigliamento tecnico come indumenti termici, giacca impermeabile, scarponcini da trekking e, ovviamente, guanti e berretto. Ma non scordatevi il costume! Dietro ogni angolo può nascondersi una pozza d'acqua calda dove immergersi.

  • Carta di Credito - In Islanda con la carta di credito si può pagare qualsiasi cosa ed è molto più conveniente che prelevare contanti ( noi abbiamo fatto l'errore di prelevare ad uno sportello bancomat il primo giorno e le commissioni ci hanno ucciso ). Un aspetto fondamentale da tenere presente è che nelle stazioni di servizio per fare benzina si può pagare solo con carte dotate di PIN a 4 cifre.

5 COSE DA VEDERE in ISLANDA secondo i World Mappers (5 Best Things & Places to See)

  • Jökulsárlón - Una laguna formatasi dallo scioglimento del ghiacciaio Breiðamerkurjökull, tra il 1920 e il 1965, con iceberg galleggianti. Di tanto in tanto si assiste al crollo di enormi blocchi di ghiaccio che fanno un rumore profondo. Appena arrivati ci siamo sentiti catapultati in un documentario naturalistico da lasciarci senza parole. Sul posto si può acquistare un tour in barca per andare alla scoperta della laguna. Purtroppo noi non abbiamo potuto farlo a causa del forte vento, ma si può arrivare altrettanto vicini ai ghiacci anche solo passeggiando lungo la riva, incontrando qualche foca che sguazza nelle acque gelide.

  • Blue Lagoon (Blaa lónið) - Molto turistica, tenete conto che sperduti nel territorio islandese trovate una moltitudine di pozze calde naturali, molto più tranquille ed autentiche della Blue Lagoon. A nostro avviso, però, il posto merita comunque una visita. Vi potrete rilassare tra nuvole di vapore e acque azzurre, magari facendovi una bella maschera al fango di silice (compresa nel prezzo). La laguna si trova vicino all'aeroporto di Keflavík, quindi vi consigliamo di fermarvi appena arrivati in Islanda o prima di andare a prendere l'aereo del ritorno, cosi come abbiamo fatto noi, per concludere al meglio il tour di questa magnifica isola. Per prenotare in anticipo www.bluelagoon.com, il biglietto base costa 44€ e oltre all'ingresso comprende l'uso di un telo, un cocktail di benvenuto e la maschera di fango.

  • Cascata di Selijlandsfoss - Probabilmente è questa la cascata che preferiamo (le cascate in Islanda sono oltre 10.000). Ce ne sono di molto più alte e imponenti ma a questa siamo particolarmente affezionati, forse perché è stata una delle prime che abbiamo visto o forse perché ci è particolarmente piaciuto percorrere il sentiero che porta dietro il getto d'acqua (preparatevi a bagnarvi). Arrivando da Ovest la cascata è visibile dalla Ring Road, basta percorrere poche centinaia di metri e si arriva al laghetto nel quale si getta l'acqua creando splendidi giochi di luce. A poca distanza da Selijlandsfoss, in un anfratto roccioso poco visibile e raggiungibile guadando un piccolo torrente ci si trova davanti a Gljúfurárfoss, una cascata sicuramente più piccola ma altrettanto affascinante data la sua posizione nascosta all'interno del piccolo canyon.

  • Fiume Caldo di Reykjadalur - Vicino al villaggio di Hveragerði parte un sentiero che in meno di un'ora porta ad un fiume dalle acque calde. Una delle esperienze più belle che abbiamo fatto in questo viaggio e dove abbiamo festeggiato il compleanno di Simone. Nella parte centrale si trovano passerelle e paravento per cambiarsi e poi basta immergersi e lasciarsi coccolare dall'acqua calda che scorre addosso. Più si risale il fiume più la temperatura dell'acqua aumenta.

  • Aereo Abbandonato di Sólheimasandur - Non vi preoccupate, non ci sono state vittime! Letteralmente situato in mezzo al nulla sulla sabbia nera della spiaggia di Sólheimasandur, si presenta come una carcassa di un vecchio aeroplano della marina degli Stati Uniti, che precipitò nel 1973 a causa del maltempo in quella zona, il cui equipaggio fortunatamente riuscì a sopravvivere all’atterraggio d’emergenza. Non è facilissimo né da trovare né da raggiungere, preparatevi a sfidare il vento, ma se siete amanti della fotografia, allora verrà tutto meritatamente ricompensato.


MIGLIORI HOTELS & APPARTAMENTI in ISLANDA consigliati dai World Mappers (Best Hotels & Apartments)

Qui sotto vi consigliamo alcune strutture alle quali ci siamo appoggiati lungo il percorso e che hanno contribuito a rendere questo viaggio perfetto.

MIGLIORI RISTORANTI in ISLANDA suggeriti dai World Mappers (Best Restaurants)


GAY TRAVEL TIPS

  • Reykjavík - Capitale della vita notturna e punto di riferimento della comunità LGBT+ dell'Islanda. Qui ha sede Pinkiceland ( www.pinkiceland.is ) agenzia LGBT che offre tour ma anche organizzazione di eventi e matrimoni.

  • Tour dell'Islanda e della città di Reykjavík con Guide Gay Friendly sono offerti anche da Gaily Tour, tour operator internazionale con il quale abbiamo già collaborato più volte (potete consultare il loro sito qui )

  • Nella via centrale di Laugavegur si trova il Kiki Queer Bar, il più famoso Gay Friendly bar della città dove trascorrere piacevoli serate con musica e karaoke fino a tarda notte.

  • Seyðisfjörður - Un bellissimo omaggio alla comunità LGBT l'abbiamo trovato in questo pittoresco villaggio dell'Islanda orientale. Si tratta di una strada dai colori rainbow che attraversa il paese fino ad arrivare ad un'altrettanto bella chiesetta azzurra. Una visita a questo villaggio vale sicuramente la pena, non solo per la Rainbow Street, ma per il fascino di un piccolo paese colorato incastonato tra le acque del fiordo e le montagne. Per l'ennesima volta L'Islanda ci ha regalato un paesaggio da fiaba.

MIGLIORI SOUVENIRS dell'ISLANDA secondo i World Mappers (Best Souvenirs)

  • Lopapeysa Islandese - un tipico maglione di lana lavorato a mano, con un disegno sulla parte davanti (molto carini!). Oggi, oltre ai maglioni potrete trovare anche guanti, sciarpe, cappelli e coperte tutti rigorosamente con lana islandese. (Occhio ai prezzi)

  • Lava - Sono molti gli oggetti d'artigianato realizzati in questo materiale, soprattutto bracciali, collane e anelli che possono essere un bel ricordo di questo Paese.

  • Mercato delle pulci di Kolaportið - In un capannone nei pressi del porto di Reykjavík ogni weekend è possibile visitare questo mercato dove si possono trovare un sacco di cose interessanti a prezzo contenuto. C'è anche una parte dedicata alla gastronomia per assaggiare e acquistare specialità locali.

#WorldMappers #FollowUs #GayTravel #GayTravelBlog #Wanderlust #GayLove #LoveIsLove #CoupleGoals #GayPride #LGBT #GayGram #Husbands #Travelers

149 visualizzazioni